Gli Impianti
Attività agonistica
Attività sociale
Scuola tennis
Photogallery
Archivio
Rassegna stampa
  • images/stories/slideshow/1.jpg
  • images/stories/slideshow/10.JPG
  • images/stories/slideshow/11.JPG
  • images/stories/slideshow/12.jpg
  • images/stories/slideshow/13.jpg
  • images/stories/slideshow/14.JPG
  • images/stories/slideshow/17.JPG
  • images/stories/slideshow/18.JPG
  • images/stories/slideshow/19.JPG
  • images/stories/slideshow/2.jpg
  • images/stories/slideshow/20.JPG
  • images/stories/slideshow/3.JPG
  • images/stories/slideshow/7.JPG
  • images/stories/slideshow/8.JPG
  • images/stories/slideshow/9.JPG

VINCE LA SQUADRA DI SERIE C!FABIO GAROFALO PERDE...al cambio di campo

Sofferta ma meritata vittoria della nostra squadra domenica scorsa 27 aprile contro il Match Ball Siracusa per 4 a 2. Vittoria che ci consente di accedere ai play-off che si svolgeranno domenica 11 e 18 maggio con incontri di andata e ritorno. Nel primo singolare nulla da fare per il nostro giovane Roberto Di Pieri che ha perso nettamente contro Alioto S. con classifica 3.3 con il punteggio di 6/1 6/1. Nel secondo singolare bella ma sfortunata prova di Fabio Garofalo che sul 6/5 al tiebreak del terzo set si è visto "rubare" la partita da una decisione arbitrale fatta a comando dal giocatore-compagno di squadra del giudice di sedia il quale dopo aver assegnato il punto del 6 pari e chiamato il cambio campo assegnava gioco,partita e incontro inventandosi una palla e giudicandola fuori dopo averla convalidata e assegnata al nostro giocatore. Malgrado le rimostranze e l'individuazione della palla dentro e la verifica della inesistenza della palla out non è stato possibile tornare indietro su una decisione avvenuta durante il gioco e modificata durante il cambio di campo. Questi episodi avallati spesso da giudici arbitri faziosi e casalinghi pongono ed evidenziano il ruolo spesso marginale ma decisivo dei giudici arbitri che si limitano a svolgere solo un ruolo notarile con il controllo di tessere e formazioni esimendosi dallo svolgere il vero ruolo del giudice arbitro che è anche quello di tutelare la squadra ospite e consentire che le regole del gioco vengano osservate e che l'andamento dell'incontro prosegua regolarmente. Sappiamo benissimo che il giudice arbitro non può intervenire sui punteggi e sulle valutazioni delle palline (se dentro o fuori) ma essendo presente e testimone dell'accaduto può richiamare l'arbitro di sedia invitandolo a fare osservare le regole di gioco. Nello specifico non modificare (su sollecitazione palese del giocatore di casa) una decisione già presa a meno che non si individui in maniera evidente e chiara la palla fuori e specialmente nel match point decretando la sconfitta al giocatore ospite. Gli altri due singolari hanno visto la vittoria netta di Ignazio D'Amico che ha battuto Di Trapani (3.3) per 6/1 6/0 e di D'Amico Michele che ha avuto la meglio su Siringo Alessio (3.2) per 6/3 6/2. Con il punteggio di 2 pari dopo i singolari azzeccata la nostra scelta di schierare due doppi equilibrati al fine di vincere l'incontro. Nette le affermazioni dei nostri doppisti e questi gli accoppiamenti e i risultati:

D'Amico Michele /Garofalo Fabio VS Siringo Alessio/Bongiovanni   63 62

D'Amico Ignazio/Di Pieri Roberto VS   Caracciolo/Alioto 6/2 6/3

Questa vittoria e quella contemporanea del CT Trapani contro il Tc Palermo 2  per 4 a 2 ci consente di accedere ai play-off o come primi o come secondi classificati del girone; tutto dipenderà dall'esito dell'incontro Carlentini/Ct Trapani in programma domenica 4 maggio. La nostra squadra in attesa del risultato osserverà un turno di riposo.

 
Banner
Banner
Banner
Banner